+1 208-342-5900

+1 208-342-5900

Congelamento delle uova e conservazione della fertilità

La conservazione della fertilità consiste in tre processi fondamentali: congelamento degli ovuli, congelamento dello sperma e / o congelamento degli embrioni da utilizzare in un secondo momento. La conservazione della fertilità può essere effettuata per vari motivi, come: congelamento prima dell'esposizione ad agenti gonadotossici come la chemioterapia o le radiazioni; congelamento prima della rimozione chirurgica delle gonadi; o congelare le uova in giovane età diminuendo così il naturale declino della fertilità dovuto all'invecchiamento nelle donne. Inoltre, i gameti (sperma o uova) possono essere preservati prima dell'inizio dei trattamenti ormonali utilizzati per la transizione di genere. 

Congelamento delle uova

Il congelamento delle uova offre ai pazienti l'opportunità di preservare la loro fertilità fino a quando non sono pronti per iniziare una famiglia. In genere, queste donne hanno un'età compresa tra i 25 ei 40 anni. Ciò potrebbe essere dovuto a diversi motivi, tra cui: - Donne a cui è stato diagnosticato un cancro, prima di iniziare la chemioterapia o il trattamento con radiazioni - Donne con una storia familiare di insufficienza ovarica precoce o precoce inizio della menopausa - Donne che desiderano limitare il numero di ovociti che desiderano fecondare durante un ciclo di fecondazione in vitro per motivi etici o religiosi - Donne che desiderano ritardare la gravidanza per motivi personali, economici o professionali - Transmen che inizieranno il testosterone come parte dell'assistenza transgender.

La fertilità nelle donne inizia a diminuire verso la fine dei 20 anni e diminuisce sempre più rapidamente dopo i 35 anni. Questa diminuzione della fertilità è anche associata ad un aumento dei tassi di aborto spontaneo e ad un aumento dei tassi di anomalie cromosomiche. Molte donne congelano i loro ovuli in giovane età per migliorare il potenziale futuro di fertilità e ridurre il rischio di futuri aborti spontanei e anomalie cromosomiche della prole.

Il congelamento degli ovuli consente alle pazienti di sesso femminile di mettere in pausa il loro orologio biologico, sia per motivi di salute che personali, e di conservare gli ovuli in un momento ottimale. Quando sceglieranno di utilizzare quelle uova in futuro, useranno uova più giovani che possono ridurre i tassi di aborto spontaneo e problemi genetici. Il congelamento delle uova non è più considerato una forma sperimentale di tecnologia di riproduzione assistita e con questa tecnologia si stanno ottenendo ottimi tassi di gravidanza all'ICRM.

Il processo

Il processo di congelamento delle uova prevede l'assunzione di farmaci per la fertilità per stimolare più follicoli ovarici (le sedi per le uova) seguiti da una procedura di recupero degli ovociti. I passaggi di base di questo processo includono potenzialmente l'avvio di pillole anticoncezionali, che vengono utilizzate per sincronizzare la coorte di uova e consentire la pianificazione logistica del ciclo di stimolazione. In genere, un paziente assume una pillola anticoncezionale 2-3 settimane. Se il tempo è critico e l'iperstimolazione ovarica deve essere eseguita molto rapidamente a causa della necessità di iniziare la chemioterapia o un intervento chirurgico, il passaggio della pillola anticoncezionale può essere bypassato. Dopo la pillola anticoncezionale, vengono utilizzati ormoni iniettabili (gonadotropine, che sono ormoni follicolo-stimolanti) per stimolare le ovaie e far crescere più follicoli. All'interno di ogni follicolo maturo c'è un singolo uovo. Una volta che i follicoli sono maturi, viene utilizzata un'iniezione trigger per completare il processo di maturazione finale. Dopo il trigger, il prelievo degli ovociti viene eseguito 36 ore dopo. Il prelievo degli ovociti è una procedura chirurgica minore che prevede l'aspirazione con ago guidata da ultrasuoni di ciascun follicolo. Viene utilizzata l'anestesia sedativa endovenosa. Questa è una procedura in giornata che viene completata all'interno della clinica e in genere dura 30-45 minuti. Le uova vengono quindi immediatamente congelate attraverso un processo chiamato vetrificazione. Ciò consente di conservare le uova a tempo indeterminato. In tutto, il paziente dovrebbe attendere dai 10 ai 14 giorni per completare questo processo. Se il paziente ha un partner maschio con cui desidera futuri figli, le uova verranno inseminate e congelate circa 5-7 giorni dopo. Analogamente alle uova congelate, gli embrioni congelati possono essere conservati a tempo indeterminato e funzionano bene con il processo di congelamento / scongelamento. 

Per i pazienti maschi che desiderano preservare la fertilità, lo sperma può essere congelato dopo l'eiaculazione. Se non è in grado di eiaculare, gli urologi specializzati nella cura dell'infertilità possono aiutare con l'estrazione chirurgica dello sperma.

Il processo di crioconservazione di ovociti, spermatozoi ed embrioni ha consentito a numerosi pazienti di raggiungere famiglie in circostanze che altrimenti avrebbero reso tutto molto difficile. La conservazione della fertilità sta diventando sempre più utilizzata ed è un'opzione meravigliosa per donne e uomini di tutte le età.