+1 208-342-5900

+1 208-342-5900

Fecondazione in vitro (IVF)

Che cos'è la fecondazione in vitro (FIV)?

La fecondazione in vitro è un tipo di trattamento della fertilità utilizzato per affrontare una serie di problemi di fertilità, inclusi ma non limitati a: fattore maschile, fattore tubarico, infertilità inspiegabile e legata all'età. Può anche essere offerto come opzione per le persone che non hanno avuto successo con trattamenti di fertilità più conservativi.

Come funziona

Come parte del ciclo mestruale naturale di una donna, la ghiandola pituitaria produce ormoni (gonadotropine) che guidano la crescita di un follicolo dominante (che contiene un uovo) e l'ovulazione (rilascio dell'uovo maturo). La fecondazione in vitro prevede iniezioni sottocutanee di versioni purificate di questi stessi ormoni per stimolare la crescita di più follicoli, con l'obiettivo di cercare di far ovulare una donna dal maggior numero possibile di uova in un periodo di tempo di 10-14 giorni. La risposta a questi farmaci è monitorata da ecografia pelvica seriale e prelievi di sangue di estrogeni.

Una volta ottenuto il numero ottimale di uova mature attraverso l'uso di iniezioni di gonadotropina, viene somministrata un'iniezione trigger accuratamente programmata per provocare l'ovulazione. In genere, a 36 ore dall'attivazione viene eseguita una procedura di recupero degli ovociti per rimuovere gli ovuli dai follicoli che rispondono. Questa è una procedura eseguita in anestesia in ufficio e prevede l'uso di un ago transvaginale sotto guida ecografica per rimuovere le uova da tutti i follicoli che rispondono.

Una volta che gli ovuli sono stati rimossi con successo dalle ovaie, gli ovuli maturi vengono quindi fecondati nel laboratorio di embriologia aggiungendo una concentrazione fissa di spermatozoi attorno agli ovuli o mediante l'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI, fornirebbe un collegamento per questo). Il giorno successivo al prelievo degli ovociti, gli ovuli vengono quindi rivalutati per confermare la riuscita della fecondazione. Le uova fecondate vengono quindi coltivate tipicamente per 5-6 giorni, fino allo stadio di blastocisti.  

Una blastocisti è un embrione che contiene circa 70-100 cellule e, sotto l'esame microscopico, assomiglia a una sfera piena di liquido con un gruppo di cellule all'interno. Tipicamente, una blastocisti ha due parti: 1) la massa cellulare interna, un gruppo di cellule che crescerà nel bambino e 2) il trofetodetermo, lo strato esterno di cellule attorno al centro fluido che si svilupperà nella placenta (mostra l'immagine sotto ). Le blastocisti sono tipicamente classificate morfologicamente come un indicatore della qualità dell'embrione. Inoltre, il trofetoderma può essere sottoposto a biopsia per l'analisi cromosomica di un embrione (test genetici preimpianto per l'aneuploidia, collegamento PGT-A) per assicurarsi che trasferiscano 23 embrioni competenti per i cromosomi che hanno le maggiori possibilità di successo dell'impianto. 

Il test pre-genetico dell'embrione per malattie genetiche monogeniche può essere effettuato anche nel caso di individui/coppie portatrici di malattie genetiche monogeniche. Questo è chiamato test genetico preimpianto per le malattie monogeniche (PGT-M). 

Le blastocisti sono lo stadio dell'embrione tipicamente trasferito nell'utero di una donna per il concepimento. Se ci sono embrioni in più, gli individui possono scegliere di crioconservare blastocisti sopranumerarie per un uso successivo.